Ciao Italy4dummies – Così Va il Mondo

Era l’estate del 2010 quando al tavolo di lavoro del meetup di Milano dedicato all’informatica, un immaginifico grillino propose che tutti gli attivisti del tavolo creassero ciascuno un blog, di qualunque tipo, ma possibilmente diffondendo le idee e le iniziative attraverso un ashtag che non usava nessun altro, #behchenepensi. I blog del behchenepensi avrebbero diffuso idee, lanciato stimoli, creato conoscenza, per poi convogliare lettori verso il tanto atteso (già allora) portale dove sarebbero avvenute le discussioni e si sarebbero tenute le votazioni online. Sarebbe stata la realizzazione della tanto decantata democrazia dal basso. A dicembre 2010 i blog erano attivi e il beta del portale era pronto: mandammo alla mailing list del meetup l’invito a registrarsi per cominciare a provarlo; due giorni dopo, la futura deputata Paola Carinelli – che teneva i contatti con il cosiddetto “staff” – ci portò con un certo imbarazzo il messaggio di Casaleggio che ci intimava di consegnargli le credenziali di accesso al sito. Nessuno poteva permettersi di gestire elenchi di attivisti al di fuori di lui, questo era il messaggio, e poi la piattaforma ufficiale nazionale la stava creando lui e sarebbe stata rilasciata da lì a poco, ci mandò a dire. Sarebbe ingeneroso far notare che il primo sito di voto on line del movimento 5 stelle vide la luce solo quattro anni dopo, e il portale partecipativo si chiamerà Rousseau e sta per essere rilasciato adesso (!) ma questa è un’altra storia. Torniamo ai blog. Ciascuno ci fece una pensata, così nacquero una dozzina di blog (il sito guida è ancora visibile, i post che fanno da guida sono scritti da un altro odierno deputato m5s, Enzo Caso). La Carinelli si buttò sul lirico io ripresi in mano un vecchio lavoro.

Avevo lì un modello concettuale, che avevo elaborato tre anni prima e che avevo tradotto in un saggio, che descriveva in quattro passaggi logici il funzionamento dei meccanismi di base dell’Italia. Scrissi l’ultima parola del saggio tre giorni prima del crac Lehman: il precipitare degli eventi non invalidò affatto il modello, ma rese obsoleti molti degli esempi e delle situazioni. Sarebbe stato da riscrivere, ma nell’estate del 2010, a distanza di due anni dai fatti, il saggio era ancora lì e il nuovo blog da aprire mi dava l’opportunità di portarlo fuori, trasformandolo in qualcosa di vivo e così feci: il nome venne dall’analogia tra la spiegazione semplice che davo io del “fenomeno Italia”  e le spiegazioni altrettanto semplici dei software informatici, che dagli anni ’90 in poi avevano fatto fiorire una serie di manuali ultra-snelli definiti “for dummies”. I passaggi logici del mio modello erano 4 ed ecco il blog bell’e pronto: ITALY4DUMMIES. Misi on line il modello, lo spiegai e cominciai a metterlo alla prova, misurandolo con i fatti che via via accadevano, in Italia e, coerentemente con l’origine “locale” dell’idea, a Milano. E funzionava, eccome, quindi proseguii, anche quando il behchenepensi svanì dall’orizzonte visivo del meetup prima e del nascente M5S poi ed io, sull’onda lunga dell’intervento Casaleggiano e del crescente impegno che il movimento richiedeva, mi trasformai pian piano da attivista a fiancheggiatore. Credo che I4D fosse l’unico blog ancora attivo di quella sporca dozzina del behchenepensi.

logoi4d

Ed eccoci ad oggi. Cinque anni, 144 post, oltre 18 mila letture, un ebook sull’uscita dall’Euro con circa 1500 download. E’ poco? Certo che sì, se confrontato con i blog più influenti del panorama, ma io so che mi sono divertito a scriverlo e che, col poco tempo che ci posso dedicare, molto di più non potevo fare; a livello personale ormai ho deciso: scrivere di questi temi, divulgare, informarmi e informare sarà la mia forma di volontariato sociale, il mio tentativo di contribuire a cambiare il mondo. Il modello logico ufficialmente è ancora senza nome, ma alla luce di questi anni resta valido, anzi oggi so che quel modello non è affatto il modello tipico dell’Italia, ma descrive ogni organismo socio economico che presenti un certo grado di complessità. Si applica ovunque ci siano delle risorse da produrre/distribuire e vi sia un numero sufficiente di persone che concorrono al suo funzionamento, quindi vale per le nazioni, ma anche per le imprese, sia grandi che medie, vale perfino per i sottoinsiemi come le divisioni, le aree aziendali, purchè sufficientemente popolosi e ricchi. E’ un modello universale, quindi potrei smettere di identificarlo con l’Italia e chiamarlo Modello RiNCo – per riassumere i quattro elementi fondanti, cioè RIsorse, Nocciolo e COnnivenze / COnsenso. E richiama il Rincoglionimento necessario perchè funzioni, cioè perchè i più continuino ad eleggere gli stessi personaggi ogni volta. Ma veniamo ad oggi.

La realtà è più complessa di così. Oggi posso dire che, mentre il modello di funzionamento delle cose, fino a un certo livello, è conforme al RiNCo, se non ci si accontenta e si vuole capire non soltanto il COME, ma anche il PERCHE’, bisogna salire – metaforicamente – sull’albero e guardare le cose da più lontano. Gli avvenimenti succedutisi dal 2011 in poi hanno chiarito (a tutti, ma a noi italiani più che agli altri popoli) che ciò che determina i grandi movimenti delle società nazionali è qualcosa che agisce a livello SOVRANAZIONALE. I tre-governi-tre che, senza alcun mandato popolare, hanno governato l’Italia da quel momento in poi sono la prova più lampante che il modello RiNCo è solo un mezzo con cui i veri decisori attuano nei singoli sistemi ciò che hanno stabilito per noi. Ed è per questo che da qualche tempo ho preso a dedicarmi al mondo, perché per le super-caste che decidono, l’arena è il mondo, non l’Italia, o la Francia, o l’Unione Europea.

Gli indizi sono tanti ed è venuto il momento di studiarli. Basta con ITALY4DUMMIES, con quell’aggettivo “dummies” vagamente dispregiativo per chi mi leggeva (in fondo, i dummies dei libricini informatici erano gli utenti più duri di comprendonio, tonti). Ora parliamo del mondo.

images

Ed eccolo qui, il nuovo blog

http:\cosivailmondo.wordpress.it

Tema più semplice (il neroarancio di I4D era piuttosto impegnativo …) e tematiche affrontate a livello globale. Parlerò ancora di singoli paesi, ma il modello che sto cercando di descrivere è quello che sta dietro a tutti i modelli RiNCo nazionali o sovranazionali. Vorrei arrivare a creare un poster, di cosìvailmondo, dove c’è tutto, ma proprio tutto quello che serve sapere per capire che sta succedendo. Non sarà facile, ma ci proverò.

Sarà un blog complottista? Se complottismo è pensare che dietro gli avvenimenti che spostano la storia non ci sia solo il caso, ma delle volontà di gruppi, strutturate e concludenti, allora  cosivailmondo è un nuovo blog complottista. 

BB-orwell84Mi sono dato una regola, in questi anni: per ogni riga che scrivo, devo averne lette almeno mille; ebbene, dalle righe che ho letto è emersa, ai miei occhi chiarissima, l’intuizione che il Grande Fratello esiste, ma tiene famiglia. Ed eccoci al motto del blog: non credo che esista UN Grande Fratello che sta ordendo un grande complotto mondiale, ma credo esistano diversi soggetti (i fratelli della famiglia) che ci  provano, a volte accordandosi, a volte scontrandosi, dando luogo a eventi contrastanti, di difficile interpretazione (se non si ha la chiave). E il termine “fratello” richiama anche altro, ma tempo al tempo.

La partita è in corso, il risultato è leggibile, sul tabellone, ed è espresso dalla wage share, cioè dalla quota di ricchezza che va in tasca a quelli che l’hanno prodotta. Io sto coi buoni, ovviamente, e al momento non siamo messi bene, la wage share è in calo inesorabile da quarant’anni circa, ma non si sa mai. Cosivailmondo può sembrare un nome fatalista, rassegnato, ma nel mio blog, quella è una frase affermativa: non esprime una constatazione, ma un dato di fatto. Cosivailmondo, dalle mie parti, vuol dire IL MONDO VA COSÌ.

Capire e il primo passò per cambiare. Altro che rassegnato.

Un benvenuto a chi vorrà seguirmi nel trasloco. A chi mi ha seguito finora un grazie. Spero di essere servito a qualcosa.
Annunci

Un pensiero su “Ciao Italy4dummies – Così Va il Mondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...